fbpx

Follow Point

Scrivi cosa stai cercando qui sopra e premi Enter. Oppure premi Esc per uscire,
  /  Technology   /  Google ti lascia realmente navigare in incognito?

Google ti lascia realmente navigare in incognito?

Quando apri una scheda in modalità anonima su Chrome, pensi di navigare senza lasciare tracce, in modo completamente privato. Questo è quello che credi, ma non corrisponderebbe alla realtà secondo un nuovo studio di DuckDuckGo.

Il motore di ricerca, che ha fatto dell’anonimato la sua arma principale, ha voluto trovare un modo per dimostrare che Google personalizza i risultati anche quando stiamo navigando in maniera anonima.

Sappiamo tutti che normalmente Google traccia le nostre navigazioni per personalizzare i risultati e rendere le nostre ricerche il più possibile aderenti ai nostri interessi.

 

Lo studio DuckDuckGo su Google

Nello studio DuckDuckGo gli utenti effettuavano un determinata ricerca prima in modo “normale” e poi in modalità anonima.

Nell’ultimo test le ricerche effettuate avrebbero dovuto essere molto simili per tutti, non essendoci l’influenza della personalizzazione.

 

Purtroppo questo non è avvenuto, arrivando anche al 92% di risultati univoci. Un dato che per DuckDuckGo vuole dire solo una cosa: la “modalità anonima” di Chrome, non è realmente anonime e Google opera ugualmente un tracciamento.

DuckDuckGo si dice preoccupato, in quanto questo violerebbe la fiducia che gli utenti ripongono nella “modalità anonima”.

La risposta di Google

La presa di posizione di Google non si è fatta attendere.

La metodologia e le conclusioni di questo studio sono errate perché si basano sul presupposto che qualsiasi differenza nei risultati di ricerca sia basata sulla personalizzazione e questo non è vero. Ci sono una serie di fattori che possono portare a leggere differenze tra i risultati di due utenti che navigano in incognito, come il momento in cui viene fatta la ricerca o la posizione geografica, che questo studio sembra non aver approfondito a sufficienza.

Inoltre uno studio che comprende solo 87 persone non sarebbe statisticamente rilevante per Google.

Questo fa capire quanto anche per la SEO non sia rilevante una ricerca via browser, nemmeno in modalità anonima. Per avere dati attendibili su un posizionamento è importante rivolgerci a strumenti specifici come SeoZoom o SemRush, oppure consultare la buona vecchia Google Search Console.

Voi cosa ne pensate?

 

 

 

 

 

 

Appassionato di SEO, innovazione e startup. Esperto di e-commerce e mountain bike. Amo condividere le mie esperienze, per questo mi diletto facendo il copywriter

Lascia un commento

Aggiungi il tuo commento qui